Cocktail AMERICANO. Una linea tra Milano e Torino

Preparazione minimal e ingredienti autoctoni per un ambasciatore italiano, sfrontato abbastanza da non temere la perdita dell’identità, e che ama distinguersi per leggerezza e tocco raffinato.

 
 
cocktail americano

Quando l’italianità era un imperativo categorico

Probabilmente il cocktail Americano, se non nel nome, esiste già almeno da fine ottocento, visto che viene considerato precursore e base del Negroni. Tuttavia la seguente versione sull’origine del cocktail è piuttosto suggestiva e può darsi che abbia dato maggiore notorietà e slancio al drink, anche se già conosciuto. Siamo negli anni trenta, in pieno regime fascista. L’embargo imposto all’Italia dalle Nazioni Unite per l’invasione dell’Etiopia, spinge il governo a incentivare l’autoproduzione di qualunque merce. Si tratta della cosiddetta autarchia.
 
In questo contesto si inserisce la nostra miscela tra il Campari, prodotto a Milano, e il Vermout, originario di Torino. Un perfetto connubio tra gusto eccellente ed esigenze autarchiche, che trova la ghiotta occasione per esprimere l’orgoglio italiano, nella vittoria di Primo Carnera, nel 1933 al Madison Square Garden di New York, cuore pulsante dell’America che ha imposto le sanzioni. Il pugile friulano Carnera vince il titolo mondiale dei pesi massimi, diventa l'”Americano” e gli viene dedicato il drink.
 
Un altro appellativo attribuito al cocktail è invece proprio Milano-Torino, chiaro omaggio all’origine dei liquori che lo compongono.
 

Preparazione del Cocktail Americano

Nonostante l’aspetto minimal della sua preparazione, l’americano rimane un’eccellente scelta degustativa. Il gusto amarognolo del campari e la leggerezza rinfrescante della soda, dell’arancia e degli aromi del vermut, sfumano nel palato con piacere.

Ingredienti

  • Vermouth Rosso
  • Bitter Campari
  • Soda

Grado Alcolico: 12% Vol
Calorie: 50 KCal

  1. Versa 3 cl. di Campari e versali in un tumbler basso colmo di ghiaccio.
  2. Ripeti ancora con 3 cl. di Vermut rosso, come il Martini Rosso o il Punt e Mes.
  3. Allunga fino a bordo bicchiere con la soda, o dell’acqua frizzante.
  4. Mescola poco intensamente con un cucchiaino da bar.
  5. Decorazione d’obbligo è la fetta d’arancia, a volte con aggiunta di una scorzetta di limone, rigorosamente senza il bianco.

cocktail americano e primo carnera
Rifrescante e gustoso, è un eccelente scelta prima del pasto. Ti aspetto alla prossima miscela: il cocktail Alexander.
Ivan Rey

Ivan Rey è l’anima digitale di Spirit Style, il portale dedicato alla vendita di alcolici e agli appassionati di cocktail, a coloro che amano divertirsi accompagnandosi a buoni drink.

Nato in mezzo ai locali della riviera romagnola, Ivan non poteva non appassionarsi alle allegre atmosfere di happy hour, dance room, mescite colorate e frizzanti. Sarà lieto di accompagnarti tra pozioni, alambicchi, distillati e coppe cocktail, nelle tue personali ricerche alcoliche.

Lo trovi anche su facebook, ma gradirà particolarmente i tuoi commenti a questo post.