OLD FASHIONED. Il motivo per cui è il cocktail più richiesto al mondo

Old fashioned recipe

L’Old Fashioned nasce negli anni trenta, ma ha radici che affondano nell’800. Eppure nessuna patina polverosa è riuscita a oscurare quello che ancora oggi risulta essere il cocktail più richiesto al mondo. Un motivo ci sarà.

 

Il fascino del whisky alla vecchia maniera

Il whisky degustato alla vecchia maniera riscuote un fascino ipnotico.

L’aspetto minimale e l’eleganza che lo connotano si intuiscono dal colore ambrato della miscela e dalle trasparenze cristalline del ghiaccio che colmano un bicchiere a lui dedicato, l’old fashioned glass, progettato per esaltarne l’essenza.

 

Dal vecchio West all’alta società

Colui che codificò il cocktail per la prima volta, o almeno si impegnò a diffonderlo, è il colonnello James E. Pepper che lo fece inserire sulla carta del bar Old Waldorf-Astoria Bar Book di New York e in quella di molti altri locali frequentati dall’alta borghesia, già a partire dagli anni trenta.
Il colonnello ha una distilleria, ma soprattutto è un uomo d’affari e grazie alla diffusione del cocktail, riesce a vendere molto più del suo whisky.

Ma la leggenda vuole che questo drink, o sue versioni antesignane, tracciassero, già nel diciannovesimo secolo, le rotte della frontiera a Ovest.
Nei Saloon del vecchio West con le mitiche antine di legno, nei paesi che punteggiavano la Transcontinental Railroad, non mancavano mai il whisky e un amaro, di quelli brevettati come “medicinali” che ti rifilava l’imbonitore di turno, per un pugno di dollari, decantando le virtù del suo elisir di lunga vita.

 

Ritorno alla ribalta

Insomma, l’abbiamo capito: l’old fashioned è un drink per gente tutta d’un pezzo, abituata ad apprezzare il gusto deciso del whisky. Non ci sono succhi di frutta o sciroppi colorati ad indorare la pillola.

E infatti prospera fino agli anni sessanta, quando ancora le virtù di una volta erano il decalogo della gente perbene. Poi il lento declino.

Torna invece alla ribalta grazie alla serie Mad Men, dove il protagonista Don Draper viene spesso ritratto accanto ad un old fashioned glass. E allora l’eleganza e la perfetta semplicità del drink lo accompagnano sulla vetta dei best seller.

don draper old fashioned

Equilibrio sapiente

È arrivato il momento però di passare alle cose concrete, quelle per cui decidi che potrebbe valerne la pena di cliccare sul link e leggere il post.
E adesso per “concreto” intendo la ricetta per preparare questo gioiello del pre-dinner. Ho detto pre-dinner, perchè l’Old Fashioned è esattamente questo: un aperitivo pensato per stimolare l’appetito, prima di avvicinarsi a tavola.

La sapiente dosatura tra amaro e dolce, tra il sapore forte dell’alcol spremuto dai cereali e la fredda roccia d’acqua ghiacciata, racchiudono il segreto della “vecchia maniera”.

 

Come preparare l’Old Fashioned

Questo cocktail è tra quelli codificati presso l’IBA, associazione internazionale dei barman, per cui non c’è adito ad interpretazioni, almeno nella versione original.

La ricetta o, date le premesse, sarebbe meglio dire il rituale di preparazione, prevede l’utilizzo del Bourbon, il whisky americano, ma è concesso anche il Rye Whiskey, quello ricavato dalla distillazione della segale.

Anzi, probabilmente alle origini c’è proprio il Rye, in quanto nell’800 la segale era il cereale di gran lunga più diffuso negli States. Gli altri ingredienti fondamentali, in nemesi contrapposta, sono lo zucchero e l’amaro di Angostura.

 

Ingredienti

Ecco finalmente gli ingredienti

  • Bourbon o Rye whiskey
  • Amaro di Angostura
  • Zucchero in zolle o sciroppo di zucchero
  • Acqua naturale o Soda

Se sei alla ricerca di qualcuno di questi ingredienti, poi visionare le nostre proposte, raccolte in una speciale presentazione dedicata all’Old Fashioned. Ti ricordo che iscrivendoti alla news letter, oltre ali aggiornamenti della rubrica, avrai anche i nostri buoni sconto sull’acquisto dei prodotti.

 

Ricetta

Grado Alcolico: 20% Vol.
Calorie: 150 KCal

  1. Usa un tumbler basso, l’Old-Fashioned Glass. Mettici una zolletta di zucchero ed impregnala con due gocce di Angostura.
  2. Con un pestello schiaccia la zolletta.
  3. Aggiungi una spruzzata, di acqua naturale per far sciogliere meglio lo zucchero.
  4. È il momento del Bourbon, versane 3 cl e poi dei cubetti di ghiaccio.
  5. Mescola con un cucchiaio da bar per dissolvere lo zucchero, senza grumi.
  6. Aggiungi altri cubetti fino a riempire il bicchiere, e poi altri 2 cl Bourbon. Mescola di nuovo.
  7. Guarnisci con una fettina d’arancia e una ciliegia maraschino e servi senza cannuccia.

 

Alcuni approfondimenti

Perchè si chiama così

Old Fashioned significa letteralmente “vecchio stile”, ed è proprio il modo in cui viene degustato il whisky in questo drink, alla vecchia maniera. Con l’aggiunta di una zolletta amaricata e dell’acqua.

 

Old Fashioned Glass

Si tratta di un tumbler basso, in grado di contenere dai 20 ai 30 cl. di liquido. Bicchiere in vetro pensato per la degustazione di distillati e cocktail, lisci o con ghiaccio. La forma classica, senza tempo, è perfetta per esaltare con eleganza il colore ambrato dell’old fashioned e dei whisky.

old fashioned

Bourbon e whisky americano

Il whisky americano, o meglio a questo punto sarebbe dire “whiskey” come lo chiamano loro, è un alcolico ricavato dalla distillazione di vari cereali, principalmente mais e segale, prodotto in Nord America, soprattutto da immigrati scozzesi ed irlandesi, a partire dall’800. Si divide in Bourbon, prodotto originariamente nello stato del Kentucky ed è composto per la gran parte da mais e da un po’ di segale. Poi c’è il Rye, o Canadian, costituito per la metà da segale, più l’aggiunta di altri cereali. Infine il Tennessee, anch’esso a base mais, con sentori di affumicato.

 

Conclusione

Direi bello carico questo post, ricco di informazioni interessanti. Spero ti sia piaciuto. Il mio invito è a seguirmi, se già non lo stai facendo, con la mia NEWS LETTER, dove riceverai inviti periodici alla lettura degli articoli sul mondo del beverage.
Incluso in ogni email troverai un buono sconto A TEMA, personalizzato per ogni post, da usare su Spirit Style. Non guasta mai.
A presto.

 

Ivan Rey è l’anima digitale di Spirit Style, il portale dedicato alla vendita di alcolici e agli appassionati di cocktail, a coloro che amano divertirsi accompagnandosi a buoni drink.

Nato in mezzo ai locali della riviera romagnola, Ivan non poteva non appassionarsi alle allegre atmosfere di happy hour, dance room, mescite colorate e frizzanti. Sarà lieto di accompagnarti tra pozioni, alambicchi, distillati e coppe cocktail, nelle tue personali ricerche alcoliche.

Lo trovi anche su facebook, ma gradirà particolarmente i tuoi commenti a questo post.